Music World
Welcome, Guest. Please login or register.
   
  Forgot your password?
 
Find Artists:
 
 
 
Russian versionSwitch to Russian 
Max Pezzali




Music World  →  Lyrics  →  M  →  Max Pezzali  →  Albums  →  Max Live! 2008

Max Pezzali Album


Max Live! 2008 (2008)
2008
1.
2.
3.
4.
5.
6.
Gli Anni (live)
7.
Eccoti (live)
8.
9.
Come Mai (live)
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
Quello Che Capita (live)
. . .


Mezzo Pieno o Mezzo vuoto
Mezzo pieno o mezzo vuoto
Questo è il solo ed unico bicchiere che abbiamo
Se si stava meglio quando si stava peggio
Non lo so però io vivo adesso
Mezzo pieno o mezzo vuoto
Mi hanno detto di giocare quindi io gioco
Faccio del mio meglio, almeno ci proverò
Se ho ragione o no, io non mi sposto

Colpa dell'Euro, colpa del dollaro
Colpa del surriscaldamento e del carbonio
Colpa di al quaeda, colpa dell'arbitro
Colpa del prezzo di un barile di petrolio
Colpa del varco nel centro storico
Colpa di tutti i condizionatori a Luglio
Colpa del feto, colpa dell'atomo
Colpa di tutta la droga disciolta nel Pò

Scorrono le immagini e non riesco più a capire
Se è la realtà
Scorrono le pagine e non riesco ad intuire
Se è la verità

Mezzo pieno o mezzo vuoto
Questo è il solo ed unico bicchiere che abbiamo
Se si stava meglio quando si stava peggio
Non lo so però io vivo adesso
Mezzo pieno o mezzo vuoto
Mi hanno detto di giocare quindi io gioco
Faccio del mio meglio, almeno ci proverò
Se ho ragione o no, io non mi sposto

Colpa del wrestling, colpa di Britney Spears
Colpa del made in China contenendo i costi
Colpa dei vecchi, colpa dei giovani
Che con il mulo non si comprano più i dischi
Colpa del gossip, colpa di csi
Di criminologi e psicologi esperti
Colpa dei ladri e dei maniaci
Colpa di internet che brulica di matti

Scorrono le immagini e non riesco più a capire
Se è la realtà
Scorrono le pagine e non riesco ad intuire
Se è la verità

Mezzo pieno o mezzo vuoto
Questo è il solo ed unico bicchiere che abbiamo
Se si stava meglio quando si stava peggio
Non lo so però io vivo adesso
Mezzo pieno o mezzo vuoto
Mi hanno detto di giocare quindi io gioco
Faccio del mio meglio, almeno ci proverò
Se ho ragione o no, io non mi sposto
Mezzo pieno o mezzo vuoto
Questo è il solo ed unico bicchiere che abbiamo
Se si stava meglio quando si stava peggio
Non lo so però io vivo adesso
Io vivo adesso
Io vivo adesso
Io vivo adesso

(Grazie a Fabrizio per questo testo)

. . .


Ti ho cercata in mezzo ai volti
che vedevo intorno a me
più credevo di trovarti
più eri inafferrabile
ogni tanto mi illudevo
fossi veramente tu
e sentivo la tua voce
anche se già non c'eri più

Ritornerò ooh
ritornerò eeeh

Poi una sera d'estate
ho aperto gli occhi ed eri lì
le nostre giovani vite
quasi indivisibili
forse è stato troppo amore
o l'incoscienza dell'età
aprendo quella porta
hai detto "tutto si sistemerà"

Ritornerò ooh
ritornerò eeeh

Ed il tempo se ne andò con te
tra i rimpianti e le lacrime
e i ricordi e la felicità
e l'amore che non tornerà
che quando si perde è perso ormai
chissà un giorno se mi rivedrai
ti batterà il cuore per un po'
solamente per un attimo

Sono stato come un cane,
mi sono buttato via
con qualunque umiliazione
anche sotto casa tua
la finestra illuminata
lui che ti stringeva a sé
io che avrei voluto urlarti
e urlare a tutto il mondo che

Ritornerò ooh
ritornerò eeeh

Le stagioni poi passarono
i ricordi se ne andarono
restò solo la malinconia
dell'amore che è fuggito via
si asciugarono le lacrime
le fotografie, le lettere
cicatrici dentro all'anima
tanto il male si dimentica

Ma poi mi sono svegliato
e intorno c'era casa mia
d'improvviso non ho più
provato alcuna nostalgia
perché ho visto la mia vita
e le persone accanto a me
l'amore alla fine ha detto
il vero nel promettere

Ritornerò ooh
ritornerò eeeh
ritornerò ooh
ritornerò eeeh
ritornerò

. . .


La prima volta che ti ho vista sai
La prima volta che andavo in discoteca di sera
Sarà passata un'eternità ormai
Però ricordo il casino che c'era
E io e I miei amici già impauriti da
Quel mondo che conoscevamo solo
In versione light pomeridiana
D'un tratto nel buio viola del neon
Il tuo sorriso splendido
Tu la Regina del Celebrità
Bella magnifica senza un'età
Quanto ho sognato di parlarti e di conoscerti
Un po' imbranati e un po' intimiditi
Io e I miei amici non ti guardavamo mai negli occhi
Ti guardavamo solo se ti giravi
E invidiavamo quei ragazzi più grandi
Che parlavano, ridevano
Scherzavano con te che di cagarci
Neanche alla lontana ci pensavi
E nel mio cuore io mi dicevo
Vedrai che un giorno crescerò
Tu la Regina del Celebrità
Bella magnifica senza un'età
Quanto ho sognato di parlarti e di conoscerti
Tu la Regina del Celebrità
La ballerina che senza pietà
Entrava nei begli incubi di noi piccoli
Un giorno che ero in giro in centro per caso
Dalla vetrina di un negozio ho visto un viso noto
Finta di niente mi sono fermato
Ed eri tu per mano con tuo marito
E il tuo bambino che dovrebbe avere
A occhio e croce due anni o tre
Che strano piacere che ho provato
Chissà se qualcuno ti ha detto mai
Cosa sei stata tu per noi
Tu la Regina del Celebrità...

. . .


C'è un tempo per I baci sperati, desiderati
Tra I banchi della prima B
Occhiali grandi, sempre gli stessi, un po' troppo spessi
Per piacere ad una così
Nell'ora di lettere
Guardandola riflettere
Sulle domande tranello della prof
Non cascarci, amore, no!
C'è un tempo per I primi sospiri tesi insicuri
Finchè l'imbarazzo va via
Col sincronismo dei movimenti, coi gesti lenti
Conosciuti solo in teoria
Come nelle favole
Fin sopra alle nuvole
Convinti che quell'istante durerà
Da lì all'eternità...
Lo strano percorso
Di ognuno di noi
Che neanche un grande libro un grande film
Potrebbero descrivere mai
Per quanto è complicato
E imprevedibile
Per quanto in un secondo tutto può cambiare
Niente resta com'è
C'è un tempo per il silenzio/assenso, solido e denso
Di chi argomenti ormai non ne ha più
Frasi già dette, già riascoltate in 1000 puntate
Di una soap-opera alla TV
Sarà l'abitudine
Sarà che sembra inutile
Cercare tanto e alla fine è tutto qui
Per tutti è tutto qui...
Lo strano percorso
Di ognuno di noi
Che neanche un grande libro un grande film
Potrebbero descrivere mai
Per quanto è complicato
E imprevedibile
Per quanto in un secondo tutto può cambiare
Niente resta com'è
C'è un tempo per qualcosa sul viso, come un sorriso
Che non c'era ieri e oggi c'è
Sembrava ormai lontano e distante, perso per sempre
Invece è ritornato con te
Con te che fai battere
Il cuore che fai vivere
Il tempo per tutto il tempo che verrà
Nel tempo che verrà...
Lo strano percorso
Di ognuno di noi
Che neanche un grande libro un grande film
Potrebbero descrivere mai
Per quanto è complicato
E imprevedibile
Per quanto in un secondo tutto può cambiare
Niente resta com'è

. . .


Tutti mi dicevano vedrai
E' successo a tutti però poi
Ti alzi un giorno e non ci pensi più
La scorderai, ti scorderai di lei
Solo che non va proprio così
Ore spese a guardare gli ultimi
Attimi in cui tu eri qui con me
Dove ho sbagliato e perché
Ma poi mi son risposto che

Non ho, nessun rimpianto, nessun rimorso
Soltanto certe volte capita che
Appena prima di dormire
Mi sembra di sentire
Il tuo ricordo che mi bussa e mi fa male un po'

Come dicon tutti il tempo è
L'unica cura possibile
Solo l'orgoglio ci mette un po'
Un po' di più, per ritirarsi su
Però mi ha aiutato a chiedermi
Se era giusto essere trattato così
Da una persona che diceva di amarmi e proteggermi
Prima di abbandonarmi qui

Non ho, nessun rimpianto, nessun rimorso
Soltanto certe volte capita che
Appena prima di dormire
Mi sembra di sentire
Il tuo ricordo che mi bussa ma io non aprirò

Nessun rimpianto, nessun rimorso
Soltanto certe volte capita che
Appena prima di dormire
Mi sembra di sentire
Il tuo ricordo che mi bussa ma io non aprirò

. . .


Stessa storia, stesso posto, stesso bar
Stessa gente che vien dentro consuma poi va
Non lo so che faccio qui, esco un po'
E vedo i fari dell'auto che mi guardano
E sembrano chiedermi chi cerchiamo noi
Gli anni d'oro del grande Real
Gli anni di Happy Days e di Ralph Malph
Gli anni delle immense compagnie
Gli anni in motorino sempre in due
Gli anni di "Che belli erano i film"
Gli anni dei Roy Rogers come jeans
Gli anni di "Qualsiasi cosa fai"
Gli anni del "Tranquillo, siam qui noi"
Siamo qui noi
Stessa storia, stesso posto, stesso bar
una coppia che conosco c'avran la mia età
Come va? Salutano
Cosi io vedo le fedi alle dita di due
Che porco giuda potrei essere io qualche anno fa
Gli anni d'oro del grande Real
Gli anni di Happy Days e di Ralph Malph
Gli anni delle immense compagnie
Gli anni in motorino sempre in due
Gli anni di "Che belli erano i film"
Gli anni dei Roy Rogers come jeans
Gli anni di "Qualsiasi cosa fai"
Gli anni del "Tranquillo, siam qui noi"
Siamo qui noi
Stessa storia, stesso posto, stesso bar
Stan quasi chiudendo poi me ne andrò a casa mia
Solo lei davanti a me
Cosa vuoi?
Il tempo passa per tutti lo sai
Nessuno indietro lo riporterà, neppure noi
Gli anni d'oro del grande Real
Gli anni di Happy Days e di Ralph Malph
Gli anni delle immense compagnie
Gli anni in motorino sempre in due
Gli anni di "Che belli erano i film"
Gli anni dei Roy Rogers come jeans
Gli anni di "Qualsiasi cosa fai"
Gli anni del "Tranquillo, siam qui noi"
Siamo qui noi

. . .


Eccoti sai ti stavo proprio aspettando
Ero qui ti aspettavo da tanto tempo
Tanto che stavo per andarmene
E invece ho fatto bene

Sei il primo mio pensiero che
Al mattino mi sveglia
L'ultimo desiderio che
La notte mi culla
Sei la ragione più profonda
Di ogni mio gesto
La storia più incredibile
Che conosco
Conosco

Eccoti come un uragano di vita
E sei qui non so come tu sia riuscita
Prendermi dal mio sonno scuotermi
E riattivarmi il cuore

Sei il primo mio pensiero che
Al mattino mi sveglia
L'ultimo desiderio che
La notte mi culla
Sei la ragione più profonda
Di ogni mio gesto
La storia più incredibile
Che conosco

Eccoti anche ora che non sei in casa
Tu sei qui mi parlavi per ogni cosa
Gli oggetti sembrano trasmettermi
L'amore nello scegliermi

Eccoti finalmente sei arrivata
E sei qui non sai quanto mi sei mancata
Speravo tu esistessi però non immaginavo tanto

Sei il primo mio pensiero che
Al mattino mi sveglia
L'ultimo desiderio che
La notte mi culla
Sei la ragione più profonda
Di ogni mio gesto
La storia più incredibile
Che conosco
Conosco
Conosco
Conosco
Conosco
Conosco

. . .


Io
non capisco che gli fai
quando arrivi in mezzo a noi
tutti i miei amici
si dileguano e
vengon lì
prendon posto accanto a te
accanto ai tuoi capelli che
hanno quel profumo
è il balsamo o sei tu
che emani?
Tutti qui ci provano
aspettano un tuo segno
e intanto sperano
che dal tuo essere amica
nasca cosa però
non si ricordano
il principio naturale che
La regola dell'amico
non sbaglia mai
se sei amico di una donna
non ci combinerai mai niente mai
non vorrai
rovinare un così bel rapporto
Tu
parli e tutti ascoltano
ridi e tutti ridono
è una gara a chi
ti asseconda di più
mentre tu
giochi e un poco provochi
però mai esageri
sul più bello vai via
sola e lasci tutti così
a rodersi perché
ha dato retta a un altro
non cagando me
però domani
le offrirò da bere e poi
starò da solo con lei
non riescono a capire che
La regola dell'amico
non sbaglia mai
se sei amico di una donna
non ci combinerai mai niente mai
non vorrai
rovinare un così bel rapporto
La regola dell'amico
proprio perché
sei amico non combinerai
mai niente mai niente niente mai
non potrei
mai vederti come fidanzato
Io
vedo i lampi d'odio che
tutti stan lanciando a te
mentre stai entrando
mano nella mano con lui
che magari non avrà
la nostra loquacità
ma lo vedo che sa
dove metterti le mani
Qui i commenti piovono
«che cazzo c'entra con lui»
«che stupida io so
che la farà soffrire
invece io sarei
il tipo giusto per lei»
non riescono a capire che
La regola dell'amico
non sbaglia mai
se sei amico di una donna
non ci combinerai mai niente mai
non vorrai
rovinare un così bel rapporto
La regola dell'amico
proprio perché
sei amico non combinerai
mai niente mai niente niente mai
non potrei
mai vederti come fidanzato

. . .


Le notti non finiscono all'alba nella via
Le porto a casa insieme a me, ne faccio melodia
E poi mi trovo a scrivere chilometri di lettere
Sperando di vederti ancora qui

Inutile parlarne sai, non capiresti mai
Seguirti fino all'alba e poi, vedere dove vai
Mi sento un po' bambino ma, lo so con te non finirà
Il sogno di sentirsi dentro un film

E poi all'improvviso, sei arrivata tu
Non so chi l'ha deciso, m'hai preso sempre più
La quotidiana guerra con la razionalità
Vada bene pur che serva, per farmi uscire

Come mai, ma chi sarai, per fare questo a me
Notti intere ad aspettarti, ad aspettare te
Dimmi come mai, ma chi sarai, per farmi stare qui
Qui seduto in una stanza, pregando per un si

Gli amici se sapessero, che sono proprio io
Pensare che credevano, che fossi quasi un Dio
Perché non mi fermavo mai
Nessuna storia inutile
Uccidersi d'amore ma per chi

Lo sai all'improvviso, sei arrivata tu
Non so chi l'ha deciso, m'hai preso sempre più
Una quotidiana guerra, con la razionalità
Ma va bene pur che serva, per farmi uscire

Come mai, chi sarai, per fare questo a me
Notti intere ad aspettarti, ad aspettare te
Dimmi come mai, ma chi sarai, per farmi stare qui
Qui seduto in una stanza pregando per un si

Dimmi come mai, ma chi sarai per fare questo a me
Notti intere ad aspettarti, ad aspettare te
Dimmi come mai, ma chi sarai, per farmi stare qui
Qui seduto in una stanza pregando per un si'

. . .


Luce in fondo al tunnel
Boccata d'aria
Limpida
Parole, musica
Casa dolce casa
Un po' città, un po' isola
Un po' New York
Un po' Polinesia
Siamo qui
Tante vittorie
Giorni bellissimi
Sconfitte stupide
Giorni difficili
Tristezze ed euforie
Gioie e dolori
Ma sento sempre che tu ci sei
Che anche quando è dura non te ne vai
E anche con i denti combatterai
Sempre accanto a me non mi abbandonerai

Sei fantastica
Forte come il rock'n roll
Una scarica
Uno shock elettrico
Sei la fonte di energia
Più potente che ci sia
Bomba atomica
dritta nello stomaco

Storia a lieto fine
Ai confini della realtà
Favola
Bacchetta magica
Ragione e passione
Giovinezza e maturità
Armonia
Tra corpo e anima
Siamo qui
Tante vittorie
Giorni bellissimi
Sconfitte stupide
Giorni difficili
Tristezze ed euforie
Gioie e dolori
Ma sento sempre che tu ci sei
Che anche quando è dura non te ne vai
E anche con i denti combatterai
Sempre accanto a me non mi abbandonerai

Sei fantastica
Forte come il rock'n roll
Una scarica
Uno shock elettrico
Sei la fonte di energia
Più potente che ci sia
Bomba atomica
dritta nello stomaco

. . .


Chi le ha inventate le fotografie
Chi mi ha convinto a portar qui le mie
Che poi lo sappiamo
Scattan le paranoie

Le facce nella foto accanto a noi
Entrate nelle nostre vite e poi
Scappate di corsa
Per non tornare mai

Quanti in questi anni ci han deluso
Quanti col sorriso dopo l'uso ci hanno buttato
Si alza dalla sedia del bar chiuso
Lentamente Cisco e all'improvviso dice
"Voi non capite un c... è un po' come nel calcio"

È la dura legge del gol
Fai un gran bel gioco però
Se non hai difesa gli altri segnano
E poi vincono

Loro stanno chiusi ma
Alla prima opportunità
Salgon subito e la buttan dentro a noi
La buttan dentro a noi

Da queste foto io non lo direi
Che di tutta sta gente solo noi
Siam rimasti uniti
Senza fotterci mai

Sull'amicizia e sulla lealtà
Ci abbiam puntato pure l'anima
Per noi che l'ha fatto
Chi per noi lo farà

Quanti in questi anni ci han deluso
Quanti col sorriso dopo l'uso ci hanno buttato
Si alza dalla sedia del bar chiuso
Lentamente Cisco e all'improvviso dice:
"Voi non capite un c... è un pò come nel calcio"

È la dura legge del gol...

Il tipo con il cappellino blu
Dei New York Yankees quello lì sei tu
Mi sa che anche al cesso
Te lo tenevi su

E quella nella foto accanto a te
Non è il fenomeno della tua ex
Quella che diceva:
"Scegli o loro o me"

Quante in questi anni ci han deluso
Quante ci hanno preso e poi di peso ci hanno buttato
Si alza dalla sedia del bar chiuso
Lentamente Cisco fa un sorriso e dice:
"Noi abbiam capito tutto è un pò come nel calcio"

È la dura legge del gol
Gli altri segneranno però
Che spettacolo quando giochiamo noi
Non molliamo mai

Loro stanno chiusi ma
Cosa importa chi vincerà
Perché in fondo lo squadrone siamo noi
Lo squadrone siamo noi

. . .


Cerco il caffe' alla mattina sennò il cervello non si avvia
cerco una t-shirt che adoro e che non ricordo dove sia
e cerco sempre dei consigli utili
e cerco delle storie in cui vincono gli umili
cerco un'America che forse non c'e' nemmeno piu',
cerco un nastro d'asfalto che corre dritto verso il blu
e cerco le risposte che non trovero'
le cerco perche' l'importante e' il viaggio non dove andro'...
Torno subito resto ancora un attimo
devo dare un' altra occhiata al mondo poi tornero'

Cerco le emozioni nuove che ha da offrire la mia eta',
cerco tutto cio' che sa di vento di oceano e liberta'
e cerco di imparare quello che non so,
io cerco e anche se non capisco prima o poi capiro'...
Torno subito,resto ancora un attimo
devo dare un'altra occhiata al mondo poi tornero'
vieni con me ,vieni con me ti va....

Cerco un giro in moto con due amici e poi quattro chiacchiere,
cerco un paio di birre ed un racconto che faccia ridere
e cerco una canzone per poi scriverla,
la cerco e anche se non la trovo prima o poi mi verra'...
Torno subito,resto ancora un attimo
devo dare un'altra occhiata al mondo poi tornero'....
Torno subito resto fuori ancora un po'
devo dare un'altra occhiata al volo poi tornero'...
Vieni con me,ti va...vieni con me,ti va...

. . .


Solita notte da lupi nel Bronx
Nel locale stan suonando un blues degli Stones
Loschi individui al bancone del bar
Pieni di Wisky e Margarida

Tutto ad un tratto la porta fa Slam
Il guercio entra di corsa con una novità
Dritta sicura si mormora che, i cannoni hanno fatto Bang

(RITORNELLO:)
Hanno ucciso l'uomo ragno, chi sia stato non si sa
Forse quelli della mala, forse la pubblicità
Hanno ucciso l'uomo ragno, non si sa neanche perché
Avrà fatto qualche sgarro a qualche industria di caffè

Alla centrale della polizia
Il commissario dice: 'Che volete che sia'
Quel che è successo non ci fermerà, il crimine non vincerà
Ma nelle strade c'è panico ormai
Nessuno esce di casa, nessuno vuole guai
Ed agli appelli alla calma in TV adesso chi ci crede più

(RITORNELLO:)

Giù nelle strade si vedono gangs, di ragionieri in doppiopetto pieni di stress
Se non ti vendo mi venderai tu, per cento lire o poco più
e-e-e Le facce di Vogue sono miti per noi, attori troppo belli sono gli unici eroi
Invece lui, sì lui era una star, ma tanto non ritornerà

(RITORNELLO:)

(RITORNELLO:) - FALSETTO

(RITORNELLO:)

. . .


Non c'è storia in questa città
Nessuno si diverte e mai si divertirà
Lascia perdere tutta questa gente
E non credere di te non importa niente
Sono sempre pronti a giudicare tutto quello che fai
Come ti vesti e con chi ti incontrerai
Ma non te la prendere loro sono fatti così
Devi solo credere
Che un giorno te ne andrai di quì.
Scendi nella strada balla e butta fuori quello che hai
Fai partire il ritmo quello giusto
Datti una mossa e poi
Tieni il tempo
Con le gambe con le mani
Tieni il tempo
Non fermarti fino a domani
Tieni il tempo
Vai avanti e vedrai
Tieni il tempo
Il ritmo non finisce mai
I muri grigi che vedi
Quando guardi fuori da qui
Anche se non ci credi
Sono così belli per chi
Sa trovare i colori
Dentro nella testa
E allora vattene fuori
Che sta per cominciare la festa
Non ti lasciare andare se non ti vuole più
Adesso se la tira ma non sa che tu
Stai quasi per decollare e quando volerai
Faranno a gara se fare un giro gli farai.
Scendi nella strada balla e butta fuori quello che hai
Fai partire il ritmo quello giusto
Datti una mossa e poi
Tieni il tempo
Con le gambe con le mani
Tieni il tempo
Non fermarti fino a domani
Tieni il tempo
Vai avanti e vedrai
Tieni il tempo
Il ritmo non finisce mai
Tieni il tempo
Tieni il tempo
Tieni il tempo
Tieni il tempo
Tieni il tempo
Con le gambe con le mani
Tieni il tempo
Non fermarti fino a domani
Tieni il tempo
Vai avanti e vedrai
Tieni il tempo
Il ritmo non finisce mai
Tieni il tempo
Tieni il tempo
Tieni il tempo
Tieni il tempo
Tieni il tempo

. . .


Ma perché sei andata via
Mi son persa nella notte
Perché non m'hai detto che eri mia
Non lo so
Sarà il vento o sarai tu
La voce che risponde ai miei perché
Dai galoppa più che puoi
Corri vai non ti fermare
Che di strada ce n'è ancora tanta sai
Si lo so
Vedo una cantina che
Mi potrà toglier sete e polvere
Lancio qualche peso al cantinero
Che non parla mai
Accanto a me c'è un gringo, uno straniero
Mi chiede "man, dove vai?"
Nord sud ovest est
E forse quel che cerco neanche c'è
Nord sud ovest est
Starò cercando lei o forse me
Tra deserto e prateria
Ma perché ti sei fermato
Ero stanco ed affamato, amica mia
Si lo so
Le capanne, una tribù
Dal basso lo stregone guarda in su
"Uomo bianco, vieni qui"
Stai attento non ci andare!
"Posso leggerti il futuro se lo vuoi"
Di di no!
Gli sorrido, dico "ok"
Nei sassolini osserva I fatti miei
Viso pallido, ti sta ingannando
Non la troverai
Sono mesi che stai cavalcando
Dimmi dove andrai
Nord sud ovest est
E forse quel che cerco neanche c'è
Nord sud ovest est
Starò cercando lei o forse me
La città è in festa e tu
Finalmente sei arrivato
Hai lo sguardo scuro non mi guardi più
Si lo so
Il caballero accanto a te
Perché ti sta abbracciando e guarda me
Accarezzo un po' la colt
Dio ti prego non lo fare!
Poi mi giro, guardo il cielo, dove andrò
Adios, mi amor!
Ballan tutti intorno a me
Sotto I colori delle lampade
Ed il vento mi sta sussurrando
Non ti fermerai
C'è qualcuno che ti sta aspettando
Tu sai dove andrai
Nord sud ovest est
E forse quel che cerco neanche c'è
Nord sud ovest est
Starò cercando lei o forse me

. . .


Potrei stare ore e ore qui
ad accarezzare
la tua bocca ed i tuoi zigomi
senza mai parlare,
senz'ascoltare altro nient'altro che
il tuo respiro crescere,
senza sentire altro che noi
nient'altro che noi.

Potrei star fermo immobile
solo con te addosso
a guardare le tue palpebre
chiudersi ad ogni passo
della mia mano lenta che scivola
sulla tua pelle umida
senza sentire altro che noi
nient'altro che noi.

Non c'è niente al mondo
che valga un secondo
vissuto accanto a te, che valga un gesto tuo,
o un tuo movimento,


perché niente al mondo
mi ha mai dato tanto
da emozionarmi come quando siamo noi,
nient'altro che noi.

Potrei perdermi guardandoti
mentre stai dormendo,
col tuo corpo che muovendosi
sembra stia cercando
anche nel sonno di avvicinarsi a me,
quasi fosse impossibile
per te sentire altro che noi,
nient'altro che noi.

Non c'è niente al mondo
che valga un secondo
vissuto accanto a te, che valga un gesto tuo,
o un tuo movimento,
perché niente al mondo
mi ha mai dato tanto
da emozionarmi come quando siamo noi,
nient'altro che noi

. . .


Forse non sarei
Come sono adesso
Forse non avrei
Questa forza addosso
Forse non saprei
Neanche fare un passo
Forse crollerei
Scivolando in basso
Invece tu sei qui
E mi hai dato tutto questo
E invece tu sei qui
Mi hai rimesso al proprio posto
I più piccoli
Pezzi della mia esistenza
Componendoli
Dando loro una coerenza

Come è bello il mondo insieme a te
Mi sembra impossibile
Che tutto ciò che vedo c'è
Da sempre solo che
Io non sapevo come fare
Per guardare ciò che tu
Mi fai vedere
Come è grande il mondo insieme a te
È come rinascere
E vedere finalmente che
Rischiavo di perdere
Mille miliardi e più di cose
Se tu non mi avessi fatto
Il dono di dividerle con me

Forse non avrei
Mai trovato un posto
Forse non potrei
Regalarti un gesto
Forse non saprei
Neanche cosa è giusto
Forse non sarei
Neanche più rimasto
Invece tu sei qui
Sei arrivata per restare
Invece tu sei qui
Non per prendere o lasciare
Ma per rendermi
Ogni giorno un po' migliore
Insegnandomi
La semplicità di amare

Come è bello il mondo insieme a te
Mi sembra impossibile
Che tutto ciò che vedo c'è
Da sempre solo che
Io non sapevo come fare
Per guardare ciò che tu
Mi fai vedere
Come è grande il mondo insieme a te
È come rinascere
E vedere finalmente che
Rischiavo di perdere
Mille miliardi e più di cose
Se tu non mi avessi fatto
Il dono di dividerle con me

Come è grande il mondo insieme a te
È come rinascere
E vedere finalmente che
Rischiavo di perdere
Mille miliardi e più di cose
Se tu non mi avessi fatto
Il dono di dividerle con me

. . .


Tappetini nuovi arbre magique
Deodorante appena preso che fa molto chic
Appuntamento alle nove e mezza ma io
Per non fare tardi forse ho cannato da dio
Alle nove sono già sotto casa tua

Tu che scendi bella come non mai
Sono anni che sognavo 'sta storia lo sai
Sento il cuore che mi rimbalza in bocca e tu
Con un body a balconcino che ti tiene su
Un seno che così non si era mai visto prima

Sei un mito, sei un mito per me
Sono anni che ti vedo così irraggiungibile
Sei un mito, sei un mito perché
Tu per tutti noi sei la più bella ma impossibile

Ancora adesso non capisco perché
Hai accettato il mio invito ad uscire con me
Forse perché tu non sei quel freddo robot
Che noi tutti pensavamo tu fossi pero'
L'importante è che adesso siamo qui insieme

Appogiati al tavolino di un bar
Scopro che oltretutto sei anche simpatica
Nonostante tu sia la più eccitante che
Abbia visto in giro sono a mio agio con te
Ordiniamo un altro cocktail poi si va via

Sei un mito, sei un mito per me...

Quasi esplodo quando mi dici "dai
Vieni su da me che tanto non ci sono I miei"
Io mi fermo a prendere una bottiglia perché
Voglio festeggiare questa figata con te
Anche se forse non mi sembra neanche vero

E' incredibile abbracciati noi due
Un ragazzo e una ragazza senza paranoie
Senza dirci "io ti amo" o "io ti sposerei"
Solo con la voglia di stare bene fra noi
Anche se soltanto per una sera appena

Sei un mito, sei un mito per me
Perché vivi e non racconti in giro favole
Sei un mito, sei un mito perché
Non prometti e non pretendi si prometta a te

Sei un mito, sei un mito per me...

. . .

Quello Che Capita

[No lyrics]

. . .


blog comments powered by Disqus



© 2011 Music World. All rights reserved.